COMUNICATO

Caso Mirra alla 100km del Passatore.

Stamattina in seduta straordinaria si è riunito il consiglio Direttivo della società A.S.D. Napoli Nord Marathon per discutere del presunto illecito commesso dall’atleta Domenico Mirra durante la gara della 100km del Passatore disputatasi il 28/05/2016.

Sono state valutate le segnalazioni ricevute, analizzati i fatti e condotti gli accertamenti tecnici relativamente ai tempi di percorrenza. In base a tali verifiche, il Direttivo ha rilevato il comportamento illecito dell’atleta e dopo una breve discussione ha così deliberato:

L’atleta Domenico Mirra è squalificato per 1 anno, a partire dalla data odierna e fino quindi al 31/05/2017. In questo periodo di tempo non potrà indossare i colori sociali e non potrà partecipare alle gare competitive FIDAL ed EPS.

Si richiede massima diffusione.

Il Consiglio Direttivo
A.S.D. Napoli Nord Marathon
Napoli, 31 maggio 2016

Condividi l'articolo
Comunicato: provvedimento disciplinare nei confronti dell’atleta Domenico Mirra

11 pensieri su “Comunicato: provvedimento disciplinare nei confronti dell’atleta Domenico Mirra

  • 31 Maggio 2016 alle 18:58
    Permalink

    Un anno mi sembra anche troppo poco

    Rispondi
  • 31 Maggio 2016 alle 18:59
    Permalink

    Questo personaggio è indegno di rappresentare la FIDAL anche come giudice, e dovrebbe essere escluso a vita da tale ruolo.

    Rispondi
  • 31 Maggio 2016 alle 19:54
    Permalink

    Bene così il prossimo anno può rifarlo!!!!! 1 anno è un po’ pochino. Sarebbe interessante capire il perché!!!!!!! Spero provi un po’ di vergogna!!!! Ricordiamo che sembrerebbe sia un giudice FIDAL.

    Rispondi
  • 31 Maggio 2016 alle 22:32
    Permalink

    Giusto così ma è solo uno dei tanti . . .

    Rispondi
  • 1 Giugno 2016 alle 6:21
    Permalink

    Un po mi dispiace
    Ma infondo conoscendo la serietà della società napoli nord.
    E bene così

    Rispondi
  • 1 Giugno 2016 alle 14:41
    Permalink

    1 anno…….ma non ci prendiamo per i fondelli questa gente va cacciata a vita dallo sport,se a 65 anni non sai giudicare cose’ il giusto la correttezza verso il tuo compagno e squadra e’ giusto che non merita di stare in questo mondo del podismo.

    Rispondi
  • 1 Giugno 2016 alle 20:13
    Permalink

    Questo succede perché molti corrono contro gli altri e non per mettere alla prova se stessi.

    Rispondi
  • 1 Giugno 2016 alle 22:05
    Permalink

    A Ragusa esiste un’associazione che si chiama No al Doping e alla Droga e il loro slogan è: Meglio ultimo da puro che primo da dopato. Loro buttassero fuori un personaggio simile in un nanosecondo, altro che sospensione per un anno.

    Rispondi
  • 2 Giugno 2016 alle 9:47
    Permalink

    Ciao a tutti, secondo me la condanna è un pò breve, ma non è il solo che fa il passatore in quel modo, io rimango dell’idea che bisognerebbe togliere la possibilità di avere gli accompagnatori in gara, si puo fare benissimo con zaino in spalla e gambe…

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *